Ricordare…

130 – Corea del Nord – camera a gas

Antony BARNETT Svelato l’orrore di una camera a gas in un Gulag nordcoreano (tratto da The Observer, 1.02.2004 (Traduzione: Alfonso Martone).

Una serie di scioccanti testimonianze sta facendo luce sul Campo 22 – uno dei più orribili segreti dello stato.

Haengyong è nell’angolo nord-est della Corea del Nord, nelle vicinanze del confine con Russia e Cina. Nascosta tra le montagne, questa piccola città è la base del Campo 22 – il più grande campo di concentramento della Corea del Nord, dove sono detenuti migliaia di uomini, donne e bambini accusati di crimini politici.

Ora, è noto anche che vi muoiono in migliaia ogni anno, e che le guardie della prigione marchiano il collo dei figli dei prigionieri per ucciderli.

Lo scorso anno testimonianze di prima mano da fuggiaschi nordcoreani avevano già fatto luce su uccisioni e torture; stanno ora emergendo agghiaccianti che le mura del Campo 22 nascondono un segreto ancora più diabolico: camere a gas dove si conducono orribili esperimenti chimici su esseri umani.

Dei testimoni hanno detto di aver visto intere famiglie messe in stanze di vetro per venir poi “gasate”. Sono state lasciate ad agonizzare fino alla morte, mentre gli scienziati prendevano appunti. Le prove fornite danno un’immagine ancora più scioccante di quella che si aveva del regime nordcoreano di Kim Jong-il.

Kwon Hyuk, che ha dovuto cambiare nome, era l’ex capo militare dell’ambasciata nordcoreana di Beijing. E’ stato anche capo del management del Campo 22. Nel documentario “This World” della BBC in onda stasera, Hyuk afferma che ora vuole far sapere al mondo cosa sta succedendo.

“Ho visto personalmente un test in cui un’intera famiglia è stata soffocata e uccisa coi gas, in una camera a gas”, dice. “I genitori, un figlio e una figlia. I genitori, pur vomitando e agonizzando, fino all’ultimo momento hanno tentato di salvare i bambini facendo loro la respirazione bocca a bocca”.

Hyuk ha tracciato diagrammi dettagliati della camera a gas che ha visto: “si tratta di un alloggiamento di vetro chiuso ermeticamente. E’ largo 3,5 metri, lungo tre, e alto 2,2; vi e’ un tubo che può iniettarvi gas all’interno. Normalmente una famiglia viene messa tutta insieme, mentre i prigionieri singoli stanno attorno agli angoli. Gli scienziati osservano l’intero processo dall’alto, attraverso il vetro”.

Spiega anche come ha potuto credere giustificato un simile trattamento. “All’epoca ritenevo che si meritassero davvero una morte simile, perché noi tutti venivamo indotti a credere che tutte le brutte cose che stavano avvenendo nella Corea del nord fossero dovute ai loro errori; e poi che eravamo poveri, divisi, e non facevamo progressi come paese”.

“Sarebbe la menzogna più totale per me dire che provavo almeno simpatia per i bambini che morivano di una morte così dolorosa. In quella società e sotto quel regime, sono convinto di essere stato il solo all’epoca a pensare che quelli erano nemici. Così, non sentivo alcuna simpatia o pietà per loro”.

La sua testimonianza è sostenuta da Soon Ok-lee, che è stata imprigionata per sette anni. “Un ufficiale mi ordinò di scegliere 50 prigioniere di buona salute”, dice. “Una delle guardie mi diede un cesto pieno di cavoli trattati; non per me, ma per darne a quelle 50 donne. Ne diedi loro e sentii urla da quelle che ne avevano mangiato. Gridavano tutte e vomitavano sangue. Tutte quelle che avevano mangiato le foglie di cavolo cominciarono a vomitare violentemente sangue, e a gridare per il dolore. Fu un inferno. In meno di venti minuti erano pressoché tutte morte”.

I fuggiaschi sono riusciti a portar fuori documenti che sembrano rivelare con quale metodicità si procedesse con esperimenti chimici. Uno, con su stampato “top secret” e “lettera di trasferimento” è datato febbraio 2002. Il nome della vittima è Lin Hun-hwa, un uomo di 39 anni. Il testo dice: “la persona di cui sopra è trasferita al… Campo 22 allo scopo di sperimentazione umana di gas liquidi per armi chimiche”.

Kim Sang-hun, un difensore dei diritti umani della Corea del nord, afferma che il documento è vero: “ha il formato nordcoreano, la qualità della carta è nordcoreana, ed ha un timbro ufficiale delle agenzie coinvolte con la sperimentazione su esseri umani. Un timbro che non possono negare. E riporta il nome della vittima, ed anche dove e perché e come queste persone sono state sottoposte ad esperimenti”.

Il numero di detenuti nei Gulag nordcoreani è sconosciuto; una stima parla di duecentomila persone tenute in dodici centri o più. Si pensa che nel Campo 22 ve ne siano cinquantamila.

Molti sono imprigionati a causa della sola relazione di parentela [con altri prigionieri politici] e sono considerati particolarmente pericolosi dal regime. Molti sono cristiani, una religione che Kim Jong-il crede sia una delle più grandi minacce al suo potere. Secondo il dittatore, non solo va arrestato il sospetto dissidente, ma anche i suoi familiari fino a tre generazioni, per sradicare il cattivo sangue ed il seme del dissenso.

Mentre la Corea del Nord tenta di guadagnare concessioni in cambio della riduzione del suo programma nucleare, [da parte nostra] si chiede che in qualsiasi tipo di accordo vengano tenuti in considerazione i diritti umani. Richard Spring, portavoce per gli affari esteri dei conservatori, sta facendo pressione alla Camera dei Comuni perché si discuta sui diritti umani nella Corea del Nord.

“La situazione è assolutamente terribile”, ha detto Spring. “E’ del tutto inaccettabile da tutte le regole della società civile. E’ ancora più urgente convincere la Corea del Nord a smettere di cercare di procurarsi armi di distruzioni di massa, non solo per la sicurezza della regione ma anche per il bene della sua popolazione”.

Mervyn Thomas, direttore di Christian Solidarity Worldwide, ha detto: “per troppo tempo queste orrende sofferenze del popolo nordcoreano, specialmente le persone detenute in campi di prigionia indicibilmente barbari, hanno incontrato solo il silenzio… E’ di importanza fondamentale che la comunità internazionale non continui a essere cieca verso queste atrocità, atrocità che dovrebbero pesare decisamente sulla coscienza mondiale”.
(da Corea camere a gas)

Commenti
Precedente Successiva Indice

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: