Ricordare…

084 – le città e i borghi del Fascismo

Nella prima metà del Novecento nessuno Stato ha investito politicamente nell’architettura pubblica come l’Italia fascista. Nel corso degli anni Venti, ma soprattutto durante gli anni Trenta, la produzione architettonica italiana è stata enorme, tale da superare ampiamente quella di molte altre nazioni. Centinaia e centinaia di architetture – case del fascio, scuole, palazzi del governo, uffici postali, ministeri, palazzi di giustizia, stazioni ferroviarie, case dell’Opera nazionale balilla, palazzi della provincia, piscine, sedi di enti parastatali, città nuove e sistemazioni urbanistiche di vecchi centri – vengono realizzate per imprimere ovunque nel paese il marchio del regime”. Comincia così il libro di Paolo Nicoloso su “Mussolini architetto“.

Il piano regolatore del 1941 è frequentemente menzionato come lo strumento con il quale si sistemavano compiutamente le idee di Mussolini per la Roma del dopoguerra (da piazza Venezia all’E42, al Lido), ma non si ricorda che per l’attuazione di quel piano era previsto l’esproprio preventivo e generalizzato di tutti i 12 mila ettari appositamente perimetrati, a cavallo della via Imperiale, dov’era prevista l’espansione di Roma verso il mare.

Piero Della Seta e Roberto Della Seta in un testo fondamentale (I suoli di Roma, Editori riuniti, 1988) hanno analizzato approfonditamente la politica fondiaria del fascismo, smentendo le interpretazioni correnti circa la continuità fra l’urbanistica fascista e quella dei governi democristiani, arrivando a concludere che “lo strapotere della grande rendita fondiaria è una novità del dopoguerra, non del fascismo”.

Di seguito l’elenco (incompleto) dei capoluoghi di provincia, dei comuni, delle città, dei borghi e dei villaggi fondate ex novo dal regime. Nel leggerlo è bene considerare che il regime fascista è durato solo vent’anni. Pensate al tempo che viene impiegato oggi per costruire un ospedale e avrete idea di come allora vi fosse maggiore serietà.
Un regime, ovviamente, non si può giudicare solo dalle opere pubbliche che mette in cantiere. Ma anche queste ultime hanno il loro peso nel giudizio complessivo, non fosse altro che per quel che riguarda l’organizzazione, l’impegno e la serietà nel conseguire gli obiettivi.
Ecco la lista:

Arsia, attuale Rasia, in Croazia. Fondata il 27 ottobre 1936
Pozzo Littorio, odierna Piedalbona, in Croazia
Levade, frazione di Pola
Uble, isola di Lagosta
Aquilinia, frazione di Muggia (Friuli Venezia Giulia)
Torviscosa (Friuli Venezia Giulia)
Borgo Brunner, frazione di Aquileia (Friuli Venezia Giulia)
Punta Sdobba (Friuli Venezia Giulia)
Fossalon, frazione di Grado (Friuli Venezia Giulia)
Volania (Emilia Romagna)
Anita (Emilia Romagna)
Tresigallo (Emilia Romagna)
Albinia, frazione di Orbetello (Toscana)
Tirrenia (Toscana)
Calambrone comune di Pisa  (Toscana)
Macchiascandona (Toscana)
Alberese (Toscana)
Grossetano (Toscana)
Ampio (Toscana)
Bruna (Toscana)
Tomba (Toscana)
Spergolaia (Toscana)
Metaurilla, frazione di Fano (Marche)
Borgo Podgora, comune di Latina (1927) (Lazio)
Maccarese, comune di Roma (1927) (Lazio)
San Cesareo, capoluogo comunale (1927)  (Lazio)
Acilia, comune di Roma (1927)  (Lazio)
Borgo Sabotino, comune di Latina (1929)  (Lazio)
Borgo Grappa, comune di Latina (1929)  (Lazio)
Borgo San Michele, comune di Latina (1929)  (Lazio)
Doganella di Ninfa, comune di Sermoneta (1929) (Lazio)
Borgo Isonzo, comune di Latina (1931)  (Lazio)
Borgo Piave, comune di Latina (1931)  (Lazio)
Borgo Carso, comune di Latina (1931)  (Lazio)
Latina (già Littoria), capoluogo comunale e provinciale (1931)  (Lazio)
Borgo Pasubio, comune di Pontinia (1933)  (Lazio)
Borgo Montello, comune di Latina (1933)  (Lazio)
Borgo Bainsizza, comune di Latina (1933)  (Lazio)
Borgo Faiti, comune di Latina (1933)  (Lazio)
Sabaudia, capoluogo comunale (1934)  (Lazio)
Villaggio Latina Scalo, comune di Latina (1934)  (Lazio)
Borgo Flora, comune di Cisterna di Latina (1934)  (Lazio)
Borgo San Donato, comune di Sabaudia (1935)  (Lazio)
Pontinia, capoluogo comunale (1935)  (Lazio)
Borgo Vodice, comune di Sabaudia (1935)  (Lazio)
Borgo Hermada, comune di Terracina (1935)  (Lazio)
Borgo Montenero, comune di San Felice Circeo (1935) (Lazio)
Aprilia, capoluogo comunale (1935)  (Lazio)
Guidonia, comune di Guidonia Mentecello) (1937)  (Lazio)
Pomezia, capoluogo comunale (1939)  (Lazio)
Borgo San Pietro, frazione di Petrella Salto (RI) ricostruito dopo l’erezione della diga del Salto e la conseguente sommersione del borgo medievale (1940)   (Lazio)
Salle, (Abruzzo)
San Salvo Marina (Abruzzo)
Nuova Chiternia (Molise)
Borgo Appio (Campania)
Borgo Domitio (Campania)
Licola (Campania)
Corvinia (Campania)
Farinia (Campania)
Piana del Dragone (Campania)
Segezia, attualmente frazione di Foggia (Puglia)
Borgo Giardinetto (Puglia)
Borgo Mezzanome, frazione di Manfredonia (Puglia)
Siponto, frazione di Manfredonia (Puglia)
Tavernola (Puglia)
Incoronata (Puglia)
Borgo Cervaro (Puglia)
Montegrosso, frazione di Andria (Puglia)
Ginosa Marina (Puglia)
Borgo Perrone (Case Alte) (Puglia)
Borgo Piave, frazione di Lecce (Puglia)
Borgo Grappa, frazione di Lecce (Puglia)
Cardigliano (Puglia)
Loconia, frazione di Canosa di Puglia (Puglia)
Centro Colonico Villaggio Marconi, oggi Centro Agricolo, frazione di Pisticci. Nato come colonia confinaria di dissidenti politici e borgo rurale, costituito da un gruppo di case intorno ad un piazzale e una chiesetta (Basilicata)
Bosco Salice, attuale Marconia, frazione di Pisticci  (Basilicata)
Scanzano Jonico (Basilicata)
Policoro (ricostruito su preesistenza)  (Basilicata)
Sant’Eufemia Lamezia, oggi quartiere di Lamezia Terme (Calabria)
Villaggio Frasso (Calabria)
Thurio (Calabria)
Villapiana Scalo (Calabria)
Borgo Callea – Fraz. di Cammarata, provincia di Agrigento (Sicilia)
Borgo Bonsignore – Fraz. di Ribera, provincia di Agrigento (Sicilia)
Borgo La Loggia – Fraz. di Agrigento, provincia di Agrigento (Sicilia)
Borgo Pasquale – Fraz. di Cammarata, provincia di Agrigento (Sicilia)
Villaggio Mosè – Fraz. di Agrigento, provincia di Agrigento (Sicilia)
Borgo Burrainiti, provincia di Agrigento (Sicilia)
Borgo Tumarrano, provincia di Agrigento (Sicilia)
Villaggio Villanova – Fraz. di Villarosa, provincia di Agrigento (Sicilia)
Borgo Petilia (già Gattuso) Caltanissetta, provincia di Caltanisetta (Sicilia)
Borgo Guttadauro – Butera, provincia di Caltanisetta (Sicilia)
Borgo Gurgazzi – Butera, provincia di Caltanisetta (Sicilia)
Borgo Manfria – Gela, provincia di Caltanisetta (Sicilia)
Villaggio Santa Barbara, provincia di Caltanisetta (Sicilia)
Villaggio Santa Rita, provincia di Caltanisetta (Sicilia)
Libertinia – attualmente frazione del comune di Ramacca, provincia di Catania (Sicilia)
Borgo Pietro Lupo (abbandonato) – Mineo, provincia di Catania (Sicilia)
Borgo Ventimiglia – Caltagirone, provincia di Catania (Sicilia)
Sferro – Paternò, provincia di Catania (Sicilia)
Borgo Caracciolo – Maniace, provincia di Catania (Sicilia)
Pergusa – Enna, provincia di Enna (Sicilia)
Borgo Cascino – Enna, provincia di Enna (Sicilia)
Borgo Baccarato – Aidone, provincia di Enna (Sicilia)
Borgo Schisina – Francavilla di Sicilia, provincia di Enna (Sicilia)
Borgo Ingrao, provincia di Enna (Sicilia)
Borgo Ciclino, provincia di Enna (Sicilia)
Acquedolci, provincia di Enna (Sicilia)
Borgo Salvatore Giuliano – Messina, provincia di Messina (Sicilia)
Borgo Recalmigi – ora frazione del comune di Castronovo di Sicilia, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Borzellino (abbandonato) – Monreale, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Schirò (abbandonato) – Monreale, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Manganaro – Vicari, provincia di Palermo (Sicilia)
Villaggio Grottamurata, provincia di Palermo (Sicilia)
Villaggio Bellolampo, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Capparini – Monreale, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Castagnola – Contessa Entellina, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Piano Cavaliere – Contessa Entellina, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Pizzillo – Contessa Entellina, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Portella della Croce – Prizzi, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Roccella – Contessa Entellina, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Vicaretto – Castellana Sicula, provincia di Palermo (Sicilia)
Fellamonica, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Riena (abbandonato), provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Margana, provincia di Palermo (Sicilia)
Borgo Rizza – Carlentini, provincia di Siracusa (Sicilia)
Villaggio Bardara – Lentini, provincia di Siracusa (Sicilia)
Borgo Fiumefreddo – Siracusa, provincia di Siracusa (Sicilia)
Borgo Fazio – Trapani, provincia di Trapani (Sicilia)
Borgo Livio Bassi – (Ummari) Trapani, provincia di Trapani (Sicilia)
Borgo Badia – Buseto Palizzolo, provincia di Trapani (Sicilia)
Borgo Binuara – Trapani, provincia di Trapani (Sicilia)
Borgo Bruca – Buseto Palizzolo, provincia di Trapani (Sicilia)
Borgo Runza – Mazara del Vallo, provincia di Trapani (Sicilia)
Carbonia (Sardegna)
Cortoghiana (Sardegna)
Strovina (Sardegna)
Fertilia – ora frazione del comune di Alghero, nei pressi dell’omonimo Aeroporto di Alghero-Fertilia (Sardegna).
Tramariglio – ora frazione del comune di Alghero (Sardegna)
Villaggio Calik (Sardegna)
Campo Giavesu (Sardegna)
Mussolinia di Sardegna – fondata nel 1930 e divenuta Arborea il 1° ottobre 1943 (ex Alabirdis, ex Villaggio Mussolini) (Sardegna)
S’Ungroni (Sardegna)
Sassu (Centro UNO, Centro DUE, Centro TRE) (Sardegna)
Pompongias (Sardegna)
Tanca del Marchese (Sardegna)
Torrevecchia (Sardegna)
Linnas (Sardegna)
Luri (Sardegna)
Portolago, nell’isola di Leros, forse una delle migliori opere urbanistiche del regime.
In Africa furono costruiti 25 villaggi agricoli per 25.000 coloni italiani. I villaggi prendevano tutti nome da personaggi italiani illustri ed erano:  Olivetti, Bianchi, Giordani, Micca, Tazzoli, Breviglieri, Marconi, Garabulli, Crispi, Corradini, Garibaldi, Littoriano, Castel Benito, Filzi, Baracca, Maddalena, Aro, Oberdan, D’Annunzio, Razza, Mameli, Battisti, Berta, Luigi di Savoia, Gioda.

Gli elenchi sono da ritenersi incompleti e la materia stessa è ancora oggetto di ricerca, dal momento che molte delle fondazioni minori (concepite come piccoli borghi rurali), specie quelle del latifondo siciliano realizzate negli ultimi anni del regime, ebbero vita effimera e talune non furono mai popolate.
Lo scrittore Antonio Pennacchi ha riportato l’attenzione su queste realizzazioni urbanistiche e territoriali con il libro ‘Viaggio per le città del Duce‘ (2003), avendone autenticamente ‘riscoperte‘ molte tra quelle dimenticate, se non addirittura mai conosciute dall’attenzione pubblica.
(da Wikipedia
wikipedia (Lazio) il Fascismo)

Commenti

Precedente Successiva Indice

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: