Ricordare…

L’Olocausto

L’Olocausto, ovvero lo sterminio degli ebrei, è una di quelle pagine storiche divenute simbolo dell’orrore nazista.In molti Paesi è addirittura vietato qualsiasi approfondimento o studio su quanto avvenuto che si discosti dalle tesi ufficiali.

Ma poiché la storia è scritta dai vincitori ho pensato bene di dare qui le varie versioni dei fatti. Al lettore pensarci su e farsene un’opinione.

Questo testo è stato messo su Internet a scopi puramente educativi e per incoraggiare la ricerca, su una base non-commerciale e per una utilizzazione equilibrata,

Mettere un testo sul Web equivale a mettere un documento sullo scaffale di una biblioteca pubblica. Ci costa un po’ di denaro e di lavoro. Pensiamo che sia di sua volontà che il lettore ne approfitta e questo lettore lo supponiamo capace di pensare con la sua testa. Un lettore che va a cercare un documento sul Web lo fa sempre a proprio rischio e pericolo. Quanto all’autore, sarebbe fuori luogo supporre che condivido la responsabilità dei testi consultabili su questo sito. In ragione delle leggi che istituiscono una censura specifica in certi paese (Germania, Francia, Israele, Svizzera, Canada, ecc.) non domandiamo il consenso degli autori che in essi vivono, poiché non sono liberi di darlo.

Ci poniamo sotto la protezione dell’articolo 19 della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo, il quale stabilisce:«Ognuno ha diritto alla libertà di opinione e di espressione, il che implica il diritto di non essere molestati per le proprie opinioni e quello di cercare, di ricevere e di diffondere, senza considerazione di frontiera, le informazioni e le idee con qualsiasi mezzo di espressione li si faccia» (Dichiarazione internazionale dei Diritti dell’Uomo, adottata dall’Assemblea generale dell’ONU a Parigi il 10 dicembre 1948).

Inizio con la versione ufficiale, quella del ‘The Simon Wiesenthal Center’.

Commenti

Precedente Successivo Indice

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: