Ricordare…

142 – Lo scandalo Lockheed

Tra i tanti scandali che si sono accavallati in Italia, nel 1976 scoppiò lo scandalo Lockheed che fu presto preso come pretesto per una odiosa campagna contro Giovanni Leone, illustre penalista e, a quel tempo, Presidente della Repubblica.

Trent’anni fa, con un mix forcaiolo e gossiparo molto simile all’attuale, L’Espresso riuscì ad abbattere Giovanni Leone.

Il Presidente della Repubblica fu descritto come un tangentista anche se era innocente, fu ritratto in copertina come un clown, fu messo in croce per le sue amicizie, fu sbeffeggiato perché aveva una bella moglie (colpevole di essere riservata e misteriosa) e dei figli dipinti come monelli.

Grazie alla codardia del suo partito, la Dc, e alla protervia dell’opposizione, il PCI, il capo dello Stato fu accompagnato alla porta, salvo poi essere riabilitato vent’anni dopo. La giornalista dell’Espresso che si era resa responsabile di quella caccia all’uomo fu condannata, ma nessuno lo ricorda più.

L’Espresso esultò e si vantò: “Avevamo copertine fino a Natale”. Già, perché ogni settimana quel giornale usciva con in copertina una caricatura estremamente offensiva contro il capo dello Stato italiano e ne menava vanto; per non restarne a corto, ne avevano una scorta.

Che bravi!

Venne pubblicato un libro della Cederna, giornalista odiata e disprezzata da Montanelli che la definiva una zitella vogliosa.

“Giovanni Leone- La carriera di un presidente” uscì nel ’78 per i tipi della Feltrinelli. L’autrice iniziava : “Questo libro è nato da un amore profondo per la democrazia” e parlava di “severo accertamento diagnostico” per cui si sentiva autorizzata a “condurre un’indagine sull’attuale capo dello stato, sulla sua carriera professionale e politica, le sue amicizie, il suo curricolo parlamentare, fino ai momenti più alti dell’ascesa ai vertici”.

Con la celerità che distingue la nostra Giustizia, dopo poco più di un decennio, Leone fu riabilitato. Totalmente.

L’Espresso e la Cederna se la cavarono con una multa che pagarono facilmente, visto che le loro prestazioni erano salite alle stelle.

I tre bistrattatissimi figli dell’ex presidente (i tre monelli ironizzava Camilla la snob) occupano oggi posti di grande rilievo. La signora Leone è ancora riservata, ma, visto che son riusciti a far fuori il marito, non è più misteriosa.

Noi meditiamo su misteri, dossier accantonati e ricordi che si risvegliano a rate, su processi nati dal nulla e nel nulla finiti e pensiamo malinconicamente a quel galantuomo e ai tanti, troppi, come lui calpestati per far da scala a certe

Altra curiosa coincidenza:

Leone fu l’unico presidente favorevole alla separazione delle carriere tra PM e giudici: in un messaggio alle Camere ammonì il Parlamento sul lassismo giudiziario, invocando meno scarcerazioni facili, soprattutto meno ferie e concorsi e formazione più scrupolosi per i magistrati. Rinviò alle Camere la legge sull’elezione dei membri del CSM, la stessa che in seguito alla reiterazione del Parlamento aprì le porte dell’organo di autogoverno delle toghe alle correnti e alla politicizzazione.

Anche allora gli stessi mezzi, gli stessi partiti e gli stessi ‘utili idioti’ di oggi. Anche la stampa è rimasta la stessa.

Gli unici che forse sono cambiati sono gli imbecilli che seguono come pecore le parole d’ordine della sinistra.

Forse sono i figli di quelli che applaudirono l’Espresso allora.

Commenti

Precedente Successivo Indice

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: