Ricordare…

La Storia dimenticata – gli stupri di massa

In cui si ricorda uno come gli Alleati abbiano trattato gli Italiani.

Leggi articolo:
041 – La Storia dimenticata – gli stupri di massa

Advertisements

luglio 4, 2008 - Posted by | Fascismo, Random, resistenza, Storia, Varie | , , ,

4 commenti »

  1. Egregio Signor….( non so il suo nome ) mi sono imbattuto nel suo sito, che apprezzo. Ho letto molto di quanto c’é al suo interno, e devo dire che é abbastanza ben fatto.
    Non posso fare a meno di oservare peró che (a mio modesto parere) ci sono delle presenatzioni che mi quadrano poco, forse perché Lei non é fascista, come me. (guardi che non mi reputo tale, per gli stessi motivi per i quali una moltitudine di stupidi che identificano il Fascismo con il razzismo o con la piú gratuita violenza).Leggendo la storia degli stupri e delle violenze fatte ai danni dei civili Italiani residenti nel territorio che man mano cadeva sotto il controllo alleato, ho letto di qualcuno che prende le difese dei marocchini, affermando che essi non sarebbero piú inclini alla violenza sessuale di qualsiasi altro uomo, e qui potrei anche essere daccordo.
    Vorrei peró sottolineare un fatto: questi marocchini, in quanto soldati , erano sotto il comando dei Francesi, infatti furono proprio gli alti comandi rfancesi a indirizzarli in questa direzione; ….e questo non le dice nulla? non ha mai pensato che i comandi fecero ai soldati marocchini questa precisa “promessa” proprio perché era proprio la possibilitá di effettuare “quel tipo di violenza” piuttosto che altre, che li avrebbe resi molto piú combattivi!?
    penso sia un po difficile non essere daccordo con me, tuttavia non credo che per questa mia asservazione dovrei essere tacciato di razzismo.
    Lei sa benissimo che la legge musulmana é molto rigida sull’argomento sessualitá, ed é quindi ovvio che un regime culturale di una cosí profonda ristrettezza in quest’ambito, renda coloro i quali ne siano asseggettati “particolarmente sensibili” a certe promesse di libertá di azione… che vadano in questo senso.
    La vera colpa é quindi Francese, (e per tutte le forme di violenza in generale sono colpevoli tutti i comandi alleati, perché loro permisero che queste violenze diventassero “SISTEMATICHE”) senza dimenticare coloro che reputo i piú colpevoli di tutti,.i capi italiani del governo badogliano, ma nel testo non ho letto di nessuna accusa nei loro riguardi; la “patata bollente”viene lasciata in mano alle truppe, come se queste erano da sole e come se in “quella terra” non esistesse anche un governo Italiano (anche se in pratica era cosí)
    A riguardo invece dei tedeschi, che via via si ritiravano, leggo ( cito testualmente quanto é scritto nel testo) <>
    Potrebbe spiegarmi perché parla di terrore nazista?
    I tedeschi mai si abbandonarono a saccheggi e, stupri o cose del genere , che nulla hanno ache fare con elle normali azioni di guerra, il terrore a cui ci si riferisce riguarda le loro rappresaglie , senza dubbio terribili , ma basta avere un minimo di conoscenza di “LEGGI INTERNAIONALI DI GUERRA” per comprendere che c’era moltissima liceitá in quegli atti.
    Attenzione , non creda che sia contento di quelllo che ho appena scritto,… erano italiani , oltre che civili quelli che cadevano sotto i colpi tedeschi .
    Certo é, che quei mascalzoni dei partigiani rossi , non si fecere mai nessuno scrupolo per quelli che sono i veri ed unici atti di terrrorismo , non fosse altro perché non apportarono mai nessun contributo reale alla guerra , in realtá questa volgarissima gentaglia , compiva questi atti indegni solo per dare sfogo al loro odio ideologico, e aizzare la popolazione contro i tedeschi e contro il Fascismo.
    Loro sono i veri ed unici colpevoli delle rappresaglie tedesche.
    Allo stesso modo e per i gli stessi motivi sopra esposti , non sono daccordo ad additare come azioni terroristiche, le rappresaglie antipartigiane compiute dall’esercito Repubblicano .
    Non dimentichiamo che le azioni di rappresaglia l’esercito regolare Repubblicano si svilupparono nell’ambito di un tentativo di difesa e non di offesa .
    Mi dispiace anche, non vedere in questo suo ( ripeto buon lavoro svolto) niente che prenda le giuste difese nei confronti del Fascismo e ancora di piú , di Mussolini , per quanto riguarda le abominevoli menzogne che da 60 anni, relegano con infamia il Fascismo nel capitolo delle deportazioni antiebraiche fatte dai tedeschi,……….eppure ho visto che Lei conosce bene Filippo Giannini, e i suoi libri che affrontano questo argomento.

    Cordiali Saluti
    Ballerino Vincenzo

    Ps. Se desidera rispondermi , invii la sua e-mail al mio idirizzo e-mail , su “ libero.it”.

    Commento di Vincenzo | febbraio 17, 2009 | Rispondi

  2. Sarei molto curiosa di leggere l’articolo di Jelloun (10-09-1993). Lei per caso sa come posso trovare una copia? (Oppure, sa il titolo, così riesco meglio con le mie ricerche?)
    Grazie in anticipo, e cordiali saluti,
    Marisa

    Commento di Marisa | settembre 1, 2009 | Rispondi

  3. Noi non viviamo in una nazione,ma in un paese popolato da manipoli di corrotti e venduti al migliore offerente.
    In italia non esiste il concetto di azione comune o di spirito nazionale,non e’ un paese coerente con alcuna delle sue scelte in quanto a breve vengono puntualmente disattese.
    L’aver appoggiato le truppe “alleate”,affidandosi ad un puzzle di popoli raccattati qua e la’ fra le colonie di allora,tradendo invece il popolo piu’ evoluto di allora,il tedesco,ha fatto si che africani sprezzanti di tutto compissero l’assurdo per le nostre terre.
    Che il paese piu’ opportunista di sempre,quello americano,colonizzasse l’italia nel nome della liberta’ facendosi tutte le napoletane che loro si concedevano dopo che gli avevano distrutto una citta’ intera.
    L’italia deve essere affidata a chi ha il senso della legge e del dovere,deve essere inquadrata come nazione prima che sia troppo tardi.

    Commento di Aldo | ottobre 14, 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: